L’assessore Bramerini berrebbe un litro di acqua con “sole” 22.500 fibre di amianto?

La risposta alle “rassicuranti” dichiarazioni dell’assessore regionale all’ambiente

Per Anna Rita Bramerini i cittadini toscani possono bere tranquillamente un litro di acqua contenente 22.500 fibre di amianto. Lo si evince dalla “rassicurante” risposta fornita in Consiglio regionale sulla vicenda delle tubature in amianto degli acquedotti toscani. E alla Campagna No Amianto Publiacqua questa risposta preoccupa molto, perché palesa un’evidente frattura tra la realtà e la classe politica della giunta guidata da Enrico Rossi.

L’assessore regionale all’ambiente, o chi la consiglia, ignora, ad esempio, la recente classificazione compiuta dall’Agenzia Internazione Ricerca sul Cancro (IARC) che si concentra e analizza tutte le forme di asbestosi sicuramente cancerogene per l’uomo (Gruppo 1) compresa quella derivante dall’amianto ingerito. I cancerogeni del gruppo 1 IARC, infatti, non hanno soglia: l’unica soglia possibile per la sicurezza dei cittadini è zero. Pertanto nell’acqua ‘potabile’ la concentrazione deve essere zero.

Un ragionamento facile facile che però non si riesce ancora a far passare. Bramerini cita infatti un limite EPA ormai obsoleto e anacronistico (7 mln fibre/litro). L’assessore regionale dovrebbe però sapere che se in Italia la ricerca è frustrata da anni di tagli voluti anche dal suo partito, nel resto del mondo i ricercatori continuano a fare il loro dovere di scienziati capaci di mettere gli interessi dell’umanità al primo posto (e solo quelli). Per ammalarsi e morire di cancro è bene che Bramerini ricordi che può bastare una e una sola fibra di amianto.

Sarebbe inoltre gradito sapere per un dovere di trasparenza a cui sono tenuti tutti gli amministratori pubblici dove sono stati fatti i prelievi dell’acqua con le fibre di amianto. Allo stesso modo un’amministratore della cosa pubblica corretto dovrebbe immediatamente applicare il principio di precauzione e responsabilità e di conseguenza predisporre l’immediata eliminazione dei tubi di cemento amianto in tutta la rete idrica toscana.

Qui è possibile scaricare e leggere la ricerca IARChttp://monographs.iarc.fr/ENG/Monographs/vol100C/mono100C-11.pdf che mette nero su bianco la pericolosità dell’amianto ingerito. Purtroppo è in inglese, ma traduciamo, per semplicità e per favorire una lettura consapevole agli esperti della Regione Toscana, le conclusioni: “Esistono prove sufficienti per la cancerogenicità di tutte le forme di amianto per l’uomo. Le fibre in amianto provocano il mesotelioma, il cancro del polmone, della laringe e delle ovaie. Inoltre sono state osservate associazioni positive tra l’esposizione a tutte le forme di amianto e cancro della faringe, stomaco, colon-retto. Tutte le forme di amianto sono cancerogene per l’uomo (gruppo 1).”

Annunci

Un pensiero su “L’assessore Bramerini berrebbe un litro di acqua con “sole” 22.500 fibre di amianto?

  1. Pingback: Come va con l’amianto nelle tubature dell’acqua in Toscana? | Un po' di mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...